Gatto torturato e ucciso nel giorno di Pasqua. L’associazione Aidaa sporge denuncia

L’AQUILA – Un gatto è stato torturato e ucciso con un bastoncino conficcato in bocca nel giorno di Pasqua a Civitella Roveto, in provincia dell’Aquila. Il povero animale privo di vita è stato trovato da una donna che accudisce una piccola colonia felina di gatti randagi e abbandonati che vivono nella zona.

L’associazione animalista Aidaa presieduta da Lorenzo Croce ha deciso di sporgere denuncia. “Il gatto potrebbe essere stato torturato e poi ucciso – dice l’Associazione italiana difesa animali e ambiente Aidaa – probabilmente da qualcuno infastidito della presenza dei gatti nella zona, ma non escludiamo nemmeno altre ipotesi tra cui il gesto di un gruppo di ragazzini o di un folle”. L’associazione ha annunciato che chiederà ulteriori chiarimenti per vederci chiaro.

Premi e ricevi le notifiche

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.