È morto a Lecce per un malore il magistrato abruzzese 57enne Paolo Moroni

LECCE – Ieri mattina è morto a causa di un malore il giudice di merito presso il tribunale di Lecce e magistrato di Corte d’Appello, Paolo Moroni. L’uomo aveva 57 anni.

Dalle prime indiscrezioni, sembra che l’uomo si sia sentito male dopo essere salito in auto, per mettersi alla guida e raggiungere la sede di giustizia nel capoluogo salentino. A lanciare l’allarme per i primi sono stati i suoi collaboratori, preoccupati dal ritardo del magistrato. Sono subito partite le ricerche, che hanno portato alla tragica scoperta. A risultare fatale è stato un arresto cardiocircolatorio: da qualche tempo il professionista era in cura per un problema serio di salute.

Premi e ricevi le notifiche

Moroni era un giudice del tribunale fallimentare, noto a Lecce, soprattutto nel suo settore di competenza. Moroni era nato a Chieti nel 1966: nell’agosto dello scorso anno, si era candidato anche al Csm, al consiglio superiore della magistratura come “sorteggiato” per la componente togata nel collegio 4 di Puglia, Basilicata, Sicilia e Calabria.

I funerali sono previsti oggi, 12 aprile, alle 16:30 nella chiesa di Santa Rosa a Lecce.

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.