A Chieti una mostra per un’agricoltura rispettosa dell’ambiente

CHIETI – Appuntamento martedì 18 aprile alle 17 nell’auditorium del Museo universitario: gli impollinatori, e in particolare le api, insieme ad alcuni qualificati esponenti di una agricoltura rispettosa dell’ambiente e della salute dell’uomo, saranno protagonisti, per iniziativa del WWF Chieti-Pescara, di un pomeriggio di grande interesse. 

Si comincia alle 17 in auditorium con il convegno “To Bee or not To Bee”. Il titolo, mutuando il famosissimo “essere o non essere” (in inglese to be or not to be) dell’Amleto di Shakespeare, vuole porre l’attenzione sulle api (in inglese Bee) e sul loro ruolo fondamentale, insieme agli altri impollinatori, per la biodiversità e per l’alimentazione dell’umanità. Ne parleranno, anche attraverso l’illustrazione di esempi virtuosi di coltivazioni e lavorazioni capaci di salvaguardare la biodiversità, la sicurezza dei raccolti, l’ambiente e la nostra stessa salute, Franco Ferroni Coordinatore della Coalizione #CambiamoAgricoltura e Responsabile Agricoltura del WWF Italia; Cecilia Chiavaroli dell’Azienda Agricola Bio Chiavaroli; Francesco Zappacosta dell’Azienda Bio Zappacosta; Camillo Zulli, Direttore della Bio Cantina Orsogna; Fernando Di Fabrizio, Direttore dell’Oasi WWF e Riserva Regionale Naturale “Lago di Penne”, il tutto affidato al coordinamento di Irma Castelnuovo, Responsabile Agricoltura per il WWF Chieti – Pescara. 

Premi e ricevi le notifiche

Al termine del convegno (ingresso libero fino a esaurimento posti) verrà inaugurata la mostra “Bee Safe” sulla tutela degli impollinatori con una serie di pannelli illustrativi, a cura del WWF, che saranno sistemati nelle sale espositive del Museo. Seguirà una degustazione gratuita di vini biologici offerta dalla “Bio Cantina Orsogna”. 

«Con il convegno e con la mostra – sottolinea Nicoletta Di Francesco, presidente del WWF Chieti-Pescara – vogliamo porre l’accento sulla attuale grave situazione di crisi degli impollinatori e sui rischi che, di conseguenza, subiscono l’agricoltura e la nostra stessa salute. Quasi il 90% delle piante selvatiche con fiore e l’80% delle 1.400 piante che ci danno cibo e prodotti dell’industria hanno bisogno dell’impollinazione da parte di api domestiche e selvatiche, ma anche di vespe, farfalle, falene, coleotteri, uccelli, pipistrelli e altri vertebrati… Un vero e proprio esercito con oltre 20.000 specie di animali che insieme garantiscono l’impollinazione dei fiori da cui dipende il 35% della produzione agricola mondiale. La distruzione degli habitat, l’uso di pesticidi e i cambiamenti climatici stanno mettendo in pericolo questi preziosi alleati e quindi anche la biodiversità». 

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.