Trignina, San Salvo a Roma per parlare con Salvini di sicurezza

SAN SALVO – Tra i numerosi comuni abruzzesi e molisani, che insistono sulla vallata del Trigno, era presente anche San Salvo all’incontro promosso ieri dal ministro Matteo Salvini presso il dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti a Roma per affrontare la questione sicurezza della fondovalle Trignina.

E’ stato un ulteriore momento di ascolto delle istanze del territorio quale naturale seguito delle riunioni tenutesi nei mesi passati in Prefettura il 20 ottobre 2022, con l’allora prefetto Armando Forgione e nell’aula consiliare del Comune di San Salvo, per iniziativa del sindaco Emanuela De Nicolis, il 14 novembre 2022. Ieri mattina a rappresentare San Salvo c’era il vicesindaco Eugenio Spadano che ha messo in evidenza, con i colleghi degli altri comuni, le note criticità di questa importante strada di collegamento tra il Tirreno e l’Adriatico.

Premi e ricevi le notifiche

“In particolare abbiamo una richiesto maggiore manutenzione e messa in sicurezza di questa importante arteria che in questi anni ha visto aumentare il traffico di auto e mezzi pesanti – ha ribadito il vicesindaco Spadano – ma soprattutto abbiamo chiesto al ministro Salvini il raddoppio della Trignina partendo con un primo lotto per una quarantina di chilometri da San Salvo fino a Trivento anche in considerazione della particolare conformazione orografica e dell’importanza strategica di questa strada che non può più essere classificata a scorrimento veloce”.

Da questo incontro è scaturito il proposito di inserire nel prossimo contratto di programma, che verrà a breve sottoscritto tra il Ministero delle Infrastrutture e l’Anas, la previsione del raddoppio di almeno di una prima metà dei circa 80 chilometri di tracciato, così come richiesto da Spadano e dai sindaci presenti, impegno condizionato da un progetto di fattibilità e dalle risorse finanziarie che verranno messe a disposizione dall’attuale governo.

Il ministro Salvini nel suo intervento ha ringraziato prima di tutto i sindaci abruzzesi e molisani presenti “che sono i loro veri custodi del territorio” prendendo l’impegno averificare di persona la percorribilità della Trignina venendo a visitare San Salvo, su invito diretto di Spadano, e di predisporre ulteriori confronti per analizzare successivi passaggi per la messa in sicurezza della fondovalle 650 direttamente colloquiando con l’Anas.

Nel corso dell’incontro l’Anas, per voce dell’amministratore delegato e direttore generale Aldo Isi, ha ricordato che sinora sono stati effettuati lavori per 31 milioni di euro, altri 30 milioni impegnati e in corso d’appalto e altri 39 stanziati per il completamento delle opere d’intervento. Era presente anche il responsabile Anas Abruzzo, Antonio Marasco, al quale sono stati indirizzati i ringraziamenti per l’impegno sinora profusi dai sindaci intervenuti.

“Un sentito ringraziamento a Michele Marone, consulente legale del ministro Salvini, che ha creato le condizioni per l’odierno incontro e al prefetto di Chieti Mario Della Cioppa per l’attenzione che sta dedicando alla questione Trignina” ha concluso il vicesindaco Spadano.

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.