Spiagge, CNA Balneari: “Adesso avanti con la mappatura del territorio. Subito”

PESCARA – «La politica adesso faccia ciò che ha promesso, mettendolo nero su bianco nella Legge Finanziaria: la mappatura delle nostre spiagge, per verificare prima, e certificare poi, il grado di disponibilità della risorsa-spiaggia in Italia, e garantire così nuove iniziative imprenditoriali». Sceglie l’Abruzzo, e uno stabilimento nel cuore di Pescara, CNA Balneari Nazionali per la sua prima uscita sul territorio dopo il pronunciamento di ieri della Corte Europea sull’applicazione della “Direttiva Bolkestein” sulle concessioni demaniali marittime: pronunciamento che rafforza l’idea che si debba procedere lungo la road mapp già tracciata.

A spiegare la linea dei concessionari degli stabilimenti è il responsabile nazionale Cristiano Tomei, nel corso di una conferenza stampa tenuta fronte mare proprio in uno stabilimento balneare, il Lido Aurora che a Pescara ha sede a poche decine di metri dalla celebre Fontana di Cascella. 

Premi e ricevi le notifiche

«A questo punto la mappatura, che chiediamo avvenga entro l’estate – ha detto tra l’altro Tomei – diventa l’elemento discriminante per proseguire la battaglia che ci siamo intestati da quindici anni e su cui non arretriamo di un centimetro: perché, dopo aver delineato con esattezza quanta parte del sistema costiero nazionale può ancora essere utilizzata per nuove iniziative imprenditoriali, occorrerà che attraverso la certificazione di Regioni e Comuni e la concertazione con le associazioni d’impresa, lo Stato vada al confronto con l’Europa sapendo che stiamo parlando di una risorsa tutt’altro che “scarsa”, come si dice in gergo. Ci sono infatti ampie aree marine, ma anche su laghi e fiumi, che possono essere oggetto di nuove concessioni: e dai dati in nostro possesso sappiamo che con situazioni pur molto variegate da regione a regione esiste spazio per nuove iniziative di chi voglia fare impresa».   

Secondo CNA Balneari, chi rischia davvero di subire un danno da questo quadro di incertezza e di rimetterci è l’intero sistema Paese: «Molti titolari di stabilimenti in giro per l’Italia – ha detto ancora Tomei – hanno smesso di investire, impoverendo l’offerta turistica complessiva italiana che così subisce un danno. Cosa ancor più grave perché ci si trova alle prese con concorrenti, come Spagna e Francia, sempre più agguerriti. E questo non va bene: ragion per cui le imprese devono avere certezze. Quando si parla di stabilimenti, voglio ricordare che si parla anche di servizi offerti alla collettività intera, come le attività di salvamento o la pulizia degli arenili».    

Un incontro, quello odierno, che agli argomenti tecnici e giuridici di CNA Balneari ha aggiunto anche qualche punta di critica al sistema politico. Così Luigi Di Marco, titolare dello stabilimento che ha ospitato l’incontro con la stampa:  «Ho sessantasei anni, presto andrò in pensione: qui dentro lavoro da quarant’anni,  questo è il lavoro dei miei figli. Strano che in un Paese che ha salvato carrozzoni fallimentari con massicci investimenti di danaro pubblico, adesso il problema siamo diventati noi».  Ma c’è spazio anche per la mozione dei sentimenti, come nella testimonianza di Claudio Mille, che di CNA Balneari è il portavoce abruzzese: «Cosa vuol dire lavorare in uno stabilimento come ho fatto io da quando avevo ventotto anni? Vuol dire anche portare su una gamba il segno di ventidue punti di sutura rimediati tanti anni fa su uno scoglio in una operazione di salvataggio con il mare a “forza 5″». 

All’incontro con la stampa erano presenti anche il direttore regionale di CNA Abruzzo, Graziano Di Costanzo e il responsabile regionale di CNA Turismo, Gabriele Marchese. Tra in pubblico anche il parlamentare di Fratelli d’Italia Guerino Testa.

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.