Vasto, stop concessioni del Lido del sole e della Bussola

VASTO – Il Comune di Vasto nel 2018 ha pronunciato la decadenza delle due concessioni: la Bussola e Lido del sole, per violazione delle norme che disciplinano la materia. Detti provvedimenti sono stati impugnati dai titolari delle società davanti al TAR Abruzzo e successivamente al Consiglio di Stato. Al termine dei predetti contenziosi, con ordinanza del dirigente del servizio Demanio, il 14 aprile 2023 è stata notificata l’ordinanza di rimozione dei manufatti insistenti ancora sull’area. Intimando agli ex titolari delle concessioni il ripristino dello stato dei luoghi e la rimozione delle opere realizzate. E’quanto è stato detto questa mattina nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il sindaco Francesco Menna, l’assessora al Demanio Paola Cianci, il dirigente dei Servizi demaniali l’avvocato Alfonso Mercogliano e l’avvocato Nicolino Zaccaria per l’avvocatura comunale.

“Ad oggi i precedenti titolari delle concessioni Lido del Sole e La Bussola non hanno più titolo – ha evidenziato il sindaco Francesco Menna – per garantire il proseguimento dell’attività concernente gli stabilimenti balneari a partire dalla stagione 2023. In tale quadro si sono valutate tutte le possibili soluzioni finalizzate a garantire per la imminente stagione estiva il servizio di offerta turistica in un’area centrale del litorale vastese. In questo ambito l’attuale quadro normativo in continua evoluzione tuttavia non agevola un percorso in tal senso”.

Premi e ricevi le notifiche

“Il Consiglio di Stato ha legittimato la correttezza dell’operato dell’Amministrazione comunale – ha aggiunto l’assessore al Demanio Paola Cianci – confermando il provvedimento di decadenza emanato nel 2018. Non sussistendo più alcun titolo concessorio abbiamo avviato la procedura per la rimozione delle strutture esistenti, in modo da rendere l’area fruibile da parte di tutta la collettività. Sottolineo che in materia vigono regole molto stringenti per cui l’assegnazione delle concessioni previste dal Piano Demaniale Marittimo Comunale potrà avvenire con le procedure di evidenza pubblica previste dal nostro ordinamento, tenendo conto anche di quanto sarà disposto dal governo nazionale in base agli indirizzi della direttiva europea Bolkenstein. Ringrazio l’ufficio demanio e l’avvocatura comunale che fin dall’inizio hanno approfondito dal punto di vista tecnico e giuridico questa delicata vicenda”.

“La materia è oggi alla ribalta nazionale, a seguito della procedura d’infrazione attivata dall’Unione Europea nei confronti dell’Italia per mancata attuazione della direttiva Bolkestein, – ha concluso l’avvocato Nicolino Zaccaria – nonché in conseguenza delle due note pronunce dell’adunanza plenaria del Consiglio di Stato, che nel 2021 hanno sancito il divieto per tutti i comuni di procedere a proroghe delle concessioni. Il Comune di Vasto pertanto, al pari degli altri comuni italiani, è in attesa delle linee guida che il governo dovrà emanare nella materia in oggetto, senza le quali gli è praticamente impossibile procedere ad ulteriori affidamenti, anche temporanei, delle due concessioni decadute”.

» I migliori articoli direttamente su WhatsApp, entra nel nuovo canale di AbruzzoGlobale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.