Diabete: scuola e sport

ABRUZZO – L’inserimento del bambino con diabete nella scuola è stato il tema del convegno a cui ha partecipato la Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Abruzzo Maria Concetta Falivene che si è svolto nei giorni scorsi a Francavilla al Mare. Una iniziativa di rilievo, organizzata dal Servizio regionale di Diabetologia pediatrica della ASL 2 Abruzzo, diretto dal Dr. Stefano  Tumini, che ha esaminato i punti salienti di uno dei tanti aspetti socio-sanitari inerenti i nostri minori”. Lo comunica la Garante Falivene che evidenzia come – grazie all’opera del Dr Tumini –  “il Tavolo di lavoro, abbia affrontato la materia sotto il punto di vista dell’epidemiologia del diabete in Abruzzo, dell’impatto dei nuovi farmaci per la cura dell’ipoglicemia, delle nuove tecnologie applicate al diabete e la loro influenza sull’interazione tra scuola, famiglia, alunno e team di cura, oltre ad alcune tematiche emergenti quali la divulgazione audiovisiva al servizio del diabete infantile, gli aspetti relativi allo stress degli insegnanti, alla prevenzione del bullismo anche con ricorso alla ‘peer education’, e non ultimo gli aspetti normativi e medico-legali. L’argomento centrale del confronto-dibattito ha riguardato la formazione del personale scolastico (dirigenti, insegnanti, assistenti e personale ATA) il cui auspicabile potenziamento – sottolineano la Garante ed il Dr Tumini – si associa a un necessario miglioramento della qualità di vita delle famiglie e del controllo metabolico degli alunni con diabete, in conseguenza dell’efficace prevenzione delle ipoglicemie e del controllo glicemico durante l’orario scolastico che – come è noto- rappresenta il 20 per cento della giornata del piccolo alunno”. “E’ evidente – specifica il Dr. Tumini-  come un’incompleta conoscenza del diabete infantile comprometta la possibilità per gli insegnanti di poter svolgere la propria funzione di educatori, in assenza di paure e stress”. “Un inserimento scolastico efficiente dell’alunno con diabete – aggiunge   Falivene – permette, inoltre, anche la prevenzione di forme di bullismo di cui sono spesso oggetto i bimbi e i ragazzi affetti da patologie croniche”.  Si è affrontato anche il tema delle modalità di fornitura del materiale sanitario alle famiglie che  a breve verrà semplificato. Dobbiamo supportare le famiglie: genitori e bambini  che affrontano una fragilità  – in Abruzzo abbiamo oltre 7000 bambini speciali –   e semplificare anche nel quotidiano  il loro vissuto. La Regione Abruzzo è molto attenta alle problematiche che vivono i genitori. Infatti, la Consigliera Sabrina Bocchino ed il Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri sono firmatari di una proposta di legge nazionale che agevolerà l’ingresso al lavoro dei  genitori di bambini diversamente abili. La dott.ssa Teresa Ciociola ha dichiarato: “Poniamo la centralità sui ragazzi, attraverso il superamento dei limiti imposti dalle competenze e dalle paure di chi è chiamato a prestare cure in ottica di rete a vantaggio delle famiglie, che si tratti di  scuola o sport, tutti insieme per rimuovere le barriere”. Il Convegno, che ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Salute, del Consiglio Regionale dell’Abruzzo e dell’Assessorato Regionale alla Sanità, ha visto la partecipazione di numerosi esperti di livello nazionale, tra cui: i Professori Aristide Saggino e Marco Tommasi dell’Ud’A, la D.ssa Chiara Gallo (Tribunale per i Minori, AQ), La Dirigente scolastica Simona Di Salvatore (I.C. 1 Chieti) e Il Dr Claudio D’Amario (Dip. Sanità Abruzzo). L’evento è stato reso possibile anche grazie alle Associazioni di volontariato: A.B.C.D.E.F aps (Pres. F. Cipollone), AGDI talia (Presidente Dr G. Lamenza), Kiwanis “Chieti, Pescara, G. D’Annunzio” (Pres. S. Tumini) e del K-Kids Cesarii 4° (Advisor Prof. F. Melchiorre). Ringrazio vivamente la dott.ssa Teresa Ciociola e il Dr. Tumini per avermi concesso l’opportunità di tale preziosissimo confronto.

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Premi e ricevi le notifiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.