Attacco hacker alla sanità abruzzese, nuove minacce e dati divulgati

ABRUZZO – “Nei prossimi giorni, vi mostreremo ulteriori falle nei sistemi delle altre Asl di tutta la regione”. Sono queste le nuove minacce degli hacker alla sanità abruzzese, dopo l’attacco alla Asl aquilana. Intanto nuovi pacchetti di dati sono stati divulgati negli ultimi due giorni dal gruppo hacker che la notte del 3 maggio ha trafugato oltre 500 giga di materiale dai server della Asl 1 Avezzano – Sulmona L’Aquila.

Tra i dati trafugati anche gli esami medici dei detenuti in regime di 41 bis come Matteo Messina Denaro rinchiuso nel carcere di massima sicurezza del capoluogo regionale dal 17 gennaio scorso e in cura per un tumore al colon.

Premi e ricevi le notifiche


    Gli hacker hanno lanciato anche due messaggi: il primo rivolto al presidente della Regione, Marco Marsilio, e al direttore della Asl Ferdinando Romano, in cui li invitano a trattare, mentre un secondo direttamente ai cittadini utenti del servizio sanitario, in cui si minaccia la diffusione dei dati.


    Sulla vicenda stanno indagando la Distrettuale antimafia e antiterrorismo dell’Aquila. Il governatore Marco Marsilio ha precisato che non sarà pagato nessun riscatto.

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.