Consiglio Comunale di Vasto in diretta: cimitero, lupi e diritti LGBTIQA+ i temi (VIDEO)

La diretta video del consiglio comunale

Gli aggiornamenti live

Premi e ricevi le notifiche

Ore 16:15 – Inizia la seduta. L’assessore all’ambiente Barisano non è in aula. Il centrodestra procederà comunque con l’interrograzione prevista dall’ordine del giorno sul Cimitero di Vasto: “Occorre ripristinare l’ordine e interrompere la pratica disdicevole delle inumazioni. Qualora oggi non dovessimo ricevere risposta procederemo chiedendo un consiglio comunale straordinario”, annuncia il consigliere di minoranza Francesco Prospero.


Francesco Menna subito replica: “Le inumazioni sono previste dalla legge. Prospero chieda scusa a chi ci segue da casa. Sono preoccupato anche perché il dato del numero di cremazioni a Vasto è ancora molto basso”.


Ore 16:30 – Francesco Prospero replica piccato: “L’interrogazione è rivolta a lei, sindaco. Chieda scusa alla città. Stiamo contestando le inumazioni come le state facendo voi, perché non sapete dove metterli e quanti sono. Lei, Menna, è abilissimo a buttarla in caciara. Perché i lavori del cimitero sono ancora fermi?”

Ore 16:35 – Breve interruzione. Francesco Prospero illustra il secondo tema della giornata: “Lupi e animali selvatici sono pericolosi per i cittadini e per i contadini, dobbiamo essere la massima autorità per la sicurezza. L’amministrazione si muova per garantire la massima sicurezza per i nostri cittadini. I pericoli sono enormi e bisogna escogitare qualche misura in sinergia anche con gli altri Comuni del territorio“.

Ore 16:47 – La minoranza chiede che la risoluzione di maggioranza venga letta dal sindaco e non dall’assessore e vicesindaco Licia Fioravante che è stata interrotta. “Qua nessuno è fesso”, grida dal suo banco il consigliere di minoranza Guido Giangiacomo. Momenti di discussione e schiamazzi in aula interrompono le spiegazioni del presidente Marchesani.


Ore 16:51 – Prende la parola Fioravante: “Polemiche inutili (riferito alle urla). Un attacco di un lupo non è prevedibile. C’è un iter da seguire che stiamo percorrendo per cercare di contenere questo problema. Io stessa sono preoccupata. Abbiamo previsto un capitolo pur non essendo questo un argomento di compentenza dell’amministrazione comunale, e lo sottolineiamo, per predisporre il piano faunistico 2023-2025. Abbiamo fatto tutto quello che poteva essere fatto, anzi, siamo andati anche oltre”. Il vicesindaco ha ringraziato tutti coloro che hanno immediatamente collaborato alla risoluzione del problema.


Ore 17:10 – Il consigliere di minoranza Vincenzo Suriani prende la parola. “Buone le parole di Fioravante. Il problema riguarda la città. Dobbiamo lavorare insieme. Non crediamo però che il vostro documento sia, come il nostro, esaustivo. Vi daremo una mano, però vogliamo maggiore operatività comunale e dati ufficiali (Rivolto a Francesco Menna). Auspichiamo nella firma di un documento congiunto”.


Ore 17:20 – La capogruppo del Partito Democratico, Marianna Del Bonifro, chiede la capigruppo. Menna chiede di animare prima il dibattito facendo distribuire fotocopie relative ai regolamenti cocnernenti la gestione della fauna selvatica, in particolar modo del lupo e degli ungulati. Francesco Menna: “Facciamo un mattatoio dedicato a questo animale, altrimenti non ne usciamo più”.


Guido Giangiacomo, consigliere di minoranza, replica: “Non dobbiamo generare una psicosi. Non abbiamo portato una censura all’amministrazione.

Siamo contenti che l’amministrazione oggi sia venuta con delle proposte, da emendare però. Spero che su alcune circostanze ci sia vera collaborazione“.


Francesco Del Viscio (consigliere di maggioranza): “Bisogna fare fronte comune con la cittadinanza anche con un tavolo permanente volto alla costruzione di una rete civica, con le associazioni e i singoli cittadini, per capire le prassi da portare avanti per convivere con la fauna selvatica”.


Francesco Menna prende la parola: “Non mi sembra che dalla parte del centrodestra ci sia voglia di fare qualcosa insieme. Non facciamo questa capigruppo (rivolto al presidente del consiglio comunale)”.


La consigliera Maria Amato: “Mi auguro che la capigruppo si faccia. Questa tematica riguarda tutti noi, non ci si può fare la faziosità. Serve un approccio equilibrato”.


Il consigliere di maggioranza Giuseppe Forte chiede un minuto di raccoglimento per le vittime dell’alluvione in Emilia – Romagna, richiesta accolta subito dalla presidenza.

Forte inizia il suo intervento: “Vorrei fare un passo indietro di 30 anni. Allora, io, andavo in giro per il territorio per la conta dei danni causati dai cinghiali. Ma allora era solo nei paesini di montagna”.

ACCOLTO CON PARERE UNANIME L’INIZIO DELLA CAPIGRUPPO

ORE 18:41 – PRODOTTO UN DOCUMENTO UNICO DA PARTE DELLA CAPIGRUPPO, annuncia il consigliere Prospero. Alle 18:44 è stato approvato all’unanimità.


Ore 18:46 – L’ultimo punto della discussione è relativo ai diritti LBGQIA+, con la mozione (che intende far promuovere da Comune il Pride Abruzzo del 2023) del consigliere di maggioranza Francesco Del Viscio. La consigliera Amato si asterrà insieme a Suriani e Giangiacomo (centrodestra).

Anche la consigliera di minoranza Alessandra Notaro respinge la mozione definendola inopportuna.

Alla fine 10 sono i voti favorevoli e 7 gli astenuti, la mozione è approvata.

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.