Volantino della discordia a Vasto. La minoranza replica: “Porte chiuse come da regolamento”

VASTO – Ai comunicati della sedicente maggioranza riunita (salvo alcuni consiglieri che in quanto incompatibili hanno dovuto lasciare la seduta) rispondiamo rimandando al mittente il vergognoso tentativo di accostare un volantino deprecabile al lavoro serio e rigoroso che la minoranza sta facendo in commissione di vigilanza e a porte rigorosamente chiuse come prevedono i regolamenti.

Vogliamo solo ricordare ai solerti consiglieri della maggioranza che si sta parlando di cose serie, e cioè di un concorso al quale hanno partecipato 193 cittadini privati, bisognosi di un lavoro, e che coinvolge anche l’operato di alcuni funzionari comunali.

Premi e ricevi le notifiche

Termineremo nella prossima seduta il lavoro istruttorio che ci compete e non esiteremo a riferire nelle sedi competenti, in primis in Consiglio Comunale e poi anche in Procura, se dovessero emergere profili di rilevanza penale. A tale ultimo riguardo, nel caso, invitiamo sin da ora il Sindaco Menna ad accompagnarci per depositare tutti insieme le conclusioni che dovessero emergere dai lavori stessi. Questi sono i fatti, altro che volontà di affossare la macchina amministrativa che, peraltro, non dipende affatto da un concorso di tre messi perché se così fosse sarebbe un pessimo segnale per l’amministrazione. È dunque solo per rispetto alla serietà della questione che i componenti la commissione si asterranno d’ora in avanti da qualsiasi commento sulla stampa e ciò fino alla chiusura dei lavori.

I consiglieri di minoranza

Giangiacomo Guido

Soria Giuseppe

Cappa Alessandra 

Notaro Alessandra

Prospero Francesco

Amato Maria

Carinci Dina

Monteodorisio Antonio

Premi e ricevi le migliori notizie del giorno sul canale WhatsApp di AbruzzoGlobale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.