Aeroporto Ancona, incidente aereo e maxiemergenza sanitaria. La simulazione

ANCONA – Si è svolta nella notte presso l’Aeroporto “Raffaello Sanzio” di Ancona un’esercitazione full scale con la simulazione di un incidente aereo e della conseguente maxiemergenza sanitaria.

Con l’obiettivo di verificare l’efficacia del Piano di Emergenza Aeroportuale, testare la capacità di coordinamento dei diversi soggetti coinvolti nelle operazioni di soccorso e sperimentare la gestione di un incidente aeronautico all’interno del sedime aeroportuale, le componenti della protezione civile e in particolare del sistema territoriale di emergenza sanitaria, insieme alla Direzione Territoriale ENAC, al gestore dell’aeroporto, agli enti aeroportuali e alla compagnia aerea Aeroitalia hanno dato vita ad una simulazione che ha coinvolto complessivamente circa 150 persone tra Enac, Società di gestione Ancona International Airport, Enav, Vigili del Fuoco, Primo Soccorso Aeroportuale, il sistema di emergenza sanitaria 118 della AST Ancona,   Polizia, Guardia di Finanza, Dogana, la Protezione Civile della Regione Marche e volontari afferenti a diverse organizzazioni del sistema regionale, Capitaneria di Porto e Prefettura di Ancona.

Premi e ricevi le notifiche

Nello scenario dell’esercitazione, un aeromobile da poco decollato con a bordo 50 passeggeri e 4 membri dell’equipaggio ha dichiarato lo stato di emergenza e chiesto di poter rientrare sullo scalo Ancona.

La Torre di Controllo ha dapprima allertato la Capitaneria di Porto di Ancona e il servizio antincendio aeroportuale richiedendo uno schieramento in attesa dell’atterraggio dell’aereo in difficoltà (stato di emergenza) con l’attivazione del Piano di Emergenza Aeronautica e subito dopo l’atterraggio ha dichiarato lo stato di incidente in aeroporto.

Chiuso lo scalo al traffico aereo, sono intervenuti mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco aeroportuali e quindi i mezzi del 118 Ancona, con ambulanze e auto mediche.

In meno di tre minuti le squadre dei Vigili del Fuoco del distaccamento aeroportuale hanno simulato di estinguere le fiamme. Il personale dei VVF, in collaborazione con il 118, ha effettuato il triage dei passeggeri intervenendo quando necessario con le manovre di rianimazione cardiopolmonare e di immobilizzazione dei traumatizzati.

Nei pressi dell’area dell’incidente, inoltre, è stato allestito dal 118 il Posto Medico Avanzato per la stabilizzazione dei feriti e contemporaneamente attivate le procedure di post soccorso che prevedono l’apertura delle sale dedicate all’assistenza ai passeggeri superstiti e ai loro parenti e amici, a supporto dei quali sono intervenuti  anche volontari di protezione civile coordinati dal personale del gestore aeroportuale.

Durante la simulazione si è costituito il Centro Operativo per l’Emergenza cui hanno partecipato tutti i rappresentanti degli enti coinvolti.

Hanno preso parte alla simulazione anche volontari di protezione civile in qualità di truccatori, simulatori e psicologi dell’emergenza che, tramite l’utilizzo di tecniche di tipo cinematografico, hanno reso più realistica l’esercitazione permettendo ai soccorritori di affrontare le problematiche legate al trattamento di traumatizzati con ferite fisiche e con reazioni emotive tipiche di questa tipologia di incidenti.

L’esercitazione si pone all’interno di un programma di attività formative sulla maxiemergenza che ha come obiettivo quello di mettere a fattor comune conoscenze ed esperienze riguardanti il piano di emergenza aeroportuale e la gestione della crisi a seguito di un incidente aereo, con particolare riguardo alla gestione sanitaria e psicologica dell’emergenza.

» I migliori articoli direttamente su WhatsApp, entra nel nuovo canale di AbruzzoGlobale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.